Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico.
Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito ai nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che hai fornito loro o che hanno raccolto in base al tuo utilizzo dei loro servizi.

Una ricetta che fa tanto atmosfera antica specie nelle fredde serate invernali? Provate questo stufato...

 

Ingredienti (4 persone)

  • Una piccola verza
  • 800 g di spezzatino di vitellone
  • 100 g di fagioli rossi secchi
  • 200 g di polpa di pomodoro
  • 2 carote
  • 3 porri
  • 2 foglie di alloro
  • 2 chiodi di garofano
  • origano
  • maggiorana
  • brodo
  • un pezzetto di cannella
  • olio
  • sale, pepe

Tenere a bagno i fagioli per una notte in acqua fredda, poi cuociamolii per circa 40 minuti.
Mondiamo e laviamo le verdure, tagliamo a rondelle carote e porri, eliminiamo le foglie esterne della verza, tagliamola prima a spicchi , poi riduciamola a sottili listarelle.

In una casseruola preferibilmente di coccio facciamo scaldare 3 cucchiai di olio, uniiamoci i porri e le carote, facciamoli rosolare per alcuni minuti su fuoco vivo, poi aggiungiamo la verza, la polpa di pomodoro tritata grossolanamente (foto 2), l'alloro, i chiodi di garofano, la cannella e un buon pizzico di origano.
Scaldiamo in una larga padella 2 cucchiai di olio, uniamo lo spezzatino di carne e facciamolo rosolare da tutte le parti. Quindi aggiungiamolo nella casseruola delle verdure; uniiamo anche i fagioli, versiamoci un mestolo di brodo, regolare di sale, pepiamo, coprire e cuociamo su fuoco moderato per un'ora circa mescolando spesso e bagnando, se necessario, con altro brodo: dovremo ottenere un sugo abbondante. A fine cottura cospargiamo di foglioline di maggiorana.